venerdì , 21 luglio 2017
Home / Design / Vernici / Verniciatura a polvere: caratteristiche, tecniche e dove utilizzarla

Verniciatura a polvere: caratteristiche, tecniche e dove utilizzarla

La verniciatura a polvere è una tipologia di verniciatura principalmente utilizzata per verniciare materiali in lega metallica, per preservarne la durata e migliorare l’estetica.

Contenuti di: Verniciatura a polvere: caratteristiche, tecniche e dove utilizzarla

Le caratteristiche della verniciatura a polvere

La caratteristica principale della verniciatura a polvere è la mancanza di solvente all’interno della composizione stessa; tale tipologia di verniciatura è composta da polveri di composti organici che racchiudono resine e pigmenti ed eventuali additivi, che sono triturati in dimensioni di particelle piccolissime, comprese tra i 20 ed i 120 milionesimi di metro.
Altra caratteristica importante della verniciatura a polvere oltre la protezione dalla corrosione, è l’isolamento sia termico che elettrico.

La differenziazione della verniciatura si ha tra le vernici termoindurenti e quelle termoplastiche; le prime sono quelle maggiormente utilizzate ed offrono una buona protezione alla corrosione ed all’aggressione chimica, mentre le vernici a polvere termoplastiche sono quelle che con il calore non si liquefanno ed il raffreddamento non provoca cambiamenti alla loro composizione chimica originaria; questo tipo di verniciatura viene utilizzata se si vuole un grado di protezione superiore alla norma.

La verniciatura a polvere viene effettuata a secco e l’adesione della polvere alla superficie da verniciare avviene tramite un effetto elettrostatico; la polvere viene sottoposta ad una carica negativa, mentre il materiale su cui essa deve essere applicata viene messo a massa.

La verniciatura a polvere viene utilizzata per lo più su strutture metalliche, acciaio, alluminio; applicata molto spesso nel campo automobilistico, ma anche nell’arredamento in genere in particolare modo su pannelli MDF.

Questo tipo di verniciatura presuppone l’utilizzo di un “catalizzatore“, ossia uno strumento che mette in combinazione l’aria e la polvere e crea il ” fenomeno elettrostatico” per poter fare attecchire al meglio la vernice al materiale metallico.

Tecniche di verniciature a polvere

Le tecniche utilizzate per questo tipo di verniciatura sono principalmente tre:

la verniciatura a letto fluido, nella quale l’oggetto da verniciare viene portato ad una temperatura superiore a quella della vernice in polvere e successivamente fatto passare in un letto fluido di polveri di vernici.

la verniciatura elettrostatica a spruzzo, ossia la verniciatura più largamente utilizzata nel fai da te, in quanto non necessità di particolari utensili costosi o una procedura molto laboriosa. È molto importante tuttavia in questo tipo di verniciatura, pulire bene preventivamente l’oggetto da verniciare ed eventualmente anche levigarlo con un po’ di carta abrasiva, successivamente viene utilizzata semplicemente una pistola a spruzzo che nebulizza la polvere con carica negativa.

Verniciatura a fiamma spruzzo, dove la polvere di vernice viene insufflata a velocità sostenuta, da un getto di aria compressa attraverso una fiamma alimentata a propano. In questo tipo di verniciatura la polvere passa dallo stato semiliquido a quello solido una volta che ha attecchito sul materiale.

wpmoneyclick id=2416 /]

Vedi anche

Ducotone: pittura per interni ed esterni

Quando si parla di Ducotone si intende, nel campo del fai da te e del ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *