lunedì , 20 novembre 2017
Home / Prodotti / Cocciopesto: l’intonaco per pavimenti di origini storiche

Cocciopesto: l’intonaco per pavimenti di origini storiche

Cocciopesto: caratteristiche e proprietà

Il cocciopesto è un materiale utilizzato principalmente per i pavimenti di tipo antico o di origini storiche o per nell’ambito dell’edilizia biocompatibile; la malta che lo compone è contraddistinta da caratteristiche come una bassa permeabilità all’acqua ed una notevole resistenza e durabilità.
Il cocciopesto veniva utilizzato in antichità per sostituire del tutto o parzialmente la sabbia normale e, attraverso un processo denominato carbonatazione, consentiva l’applicazione per il confezionamento di malte che così a contatto con l’aria potevano così indurire.
Il cocciopesto serviva inoltre per aumentare le proprietà idrauliche di una superficie, anche se in misura minore rispetto a quella garantita dalla pozzolana.
Ad avvenuta asciugatura il cocciopesto ha un peso specifico di 1350 kg/mc, anche se ad incidere in gran parte in questo caso è sia il tipo degli inerti utilizzati che la granulometria.

Intonaco di cocciopesto per pavimenti

Il cocciopesto viene quindi utilizzato anche per intonacare pavimenti, una pratica che si rende utile sin dall’antichità; già gli antichi Romani avevano denominato la tecnica di applicazione del cocciopesto con il nome di ”opus signinum”.
Il cocciopesto dell’Occidente, per esempio, corrisponde ad uno strato di malta di qualità eccellente mescolato a terracotta, a pietre bianche (spesso calcari) e a particelle di argilla: questa tipologia di cocciopesto veniva utilizzata per creare il cosiddetto pavimento a ”terrazzo”.
Il pavimento in cocciopesto ”Guglielmino” è invece un composto di cocciopesto e calce naturale con proprietà idrauliche. Si tratta di una struttura che può essere lavorato e poi posata attraverso due diverse tecniche a seconda delle caratteristiche ambientali e delle esigenze del cliente:
• Pavimento in cocciopesto monostrato;
• Pavimento in coccopesto a doppio strato.

Cocciopesto per esterni

Un tipo di cocciopesto adatto ad essere impiegato per l’intonaco per esterni è quello utilizzato in una miscela fatta anche di calce idraulica naturale, silicei selezionati ed inerti marmorei.
Si tratta di un mix di materiali contraddistinto da un basso contenuto di macroporosa e di sali idrosolubili e da una forte permeabilità al vapore.
La sua applicazione idonea è quella come fondo per supporti misti o in laterizio, sopratutto se costantemente sottoposti ad una particolare umidità. Questa miscela assicura una rapida ed efficace fuoriuscita dell’eccesso mantenendo allo stesso tempo un’ottima resistenza ai sali cristallizzati ed un’ideale regolazione igrometrica.

Cocciopesto prezzi

Se intendete effettuare il fai-da-te, il costo per un sacco di cocciopesto da 25 kg è variabile da un minimo di 9€ ad un massimo di 15€: questo dipende se lo acquistate all’ingrosso o presso un rivenditore.
Per quanto invece riguarda le lavorazioni con questo materiale effettuate direttamente delle imprese edili il prezzo si aggira intorno ai 25-30€ anche a seconda dell’ambiente interno o esterno su cui vengono effettuate.

Vedi anche

mirka deros

Mirka Deros: la levigatrice che si connette allo smartphone

Ho già parlato delle funzioni e delle caratteristiche che deve possedere una levigatrice professionale, in questo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *