venerdì , 21 luglio 2017
Home / Soluzioni tecniche / Controsoffitto in cartongesso

Controsoffitto in cartongesso

 

Realizzazione controsoffitto in cartongesso

Per realizzare un controsoffitto in cartongesso bisogna prima rimuovere l’eventuale vecchia controsoffittatura; in alternativa è possibile abbassarne semplicemente il livello. A questo punto inizia la fase di preparazione per realizzare la struttura portante sulla quale installare i pannelli in cartongesso. Il telaio è composto da profili in alluminio a L e assomiglia a una griglia. Queste aste di alluminio si trovano in commercio in vari colori diversi e l’operazione di messa in posa prevede l’applicazione dei pannelli con chiodi oppure di appoggiarli semplicemente sulle calettature. In quest’ultimo caso si ottiene una controsoffittatura removibile: si tratta di una soluzione molto versatile e sempre più apprezzata, in quanto consente di eliminare rapidamente il controsoffitto in caso di necessità. Per ottenere un controsoffitto in cartongesso stabile, invece, si deve effettuare un intervento più elaborato: per prima cosa si fissano ai quattro angoli della stanza i profili di alluminio con viti lunghe circa 5 cm, applicando intermezzi verticali e orizzontali a formare una griglia. Si consiglia di adottare pannelli in cartongesso standard, spessi 10 mm e in formato 120X200 cm. Si parte da un angolo della stanza e l’applicazione prevede l’uso di viti lunghi 3 cm e di un trapano avvitatore. Il lavoro è molto veloce e facile da effettuare anche con il fai da te e si procede fino ad arrivare all’angolo opposto, così da coprire tutta la superficie. Eventualmente si possono tagliare su misura e sagomati piccoli pezzi con un seghetto alternativo.

Illuminazione controsoffitto in cartongesso

Al giorno d’oggi sono sempre più diffusi e amati gli ambienti puliti ed eleganti: per questo motivo si adottano i controsoffitti in cartongesso in quanto consentono di unire bellezza, design e un’illuminazione funzionale e di grande effetto. Se si decide di optare per un semplice lampadario, bisogna far fuoriuscire al centro della stanza il filo elettrico per alimentare la fonte luminosa, proprio in corrispondenza del gancio. Se invece si vuole optare per un ambiente moderno, si consiglia di adottare un’illuminazione essenziale: la soluzione migliore è usare . Si tratta di elementi estremamente versatili, in grado di soddisfare qualunque necessità e che hanno bassi consumi: in questo modo si ha il vantaggio di risparmiare sulle bollette energetiche. Inoltre hanno una resa maggiore e una durata in vita più lunga rispetto alle normali lampadine. Questa tipologia di illuminazione per il controsoffitto in cartongesso consente di dare alla stanza un’atmosfera romantica e delicata, grazie alla luce morbida e tenue emanata. In genere la luce è bianca e fredda, tuttavia sono presenti in commercio anche modelli colorati e originali.

Vedi anche

Eliminare la muffa

Come eliminare la muffa dai muri definitivamente

Non possiamo di certo nasconderlo, uno dei problemi più grossi delle abitazioni è quello della ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *