giovedì , 17 gennaio 2019
Home / Prodotti / Grassello di calce: cosa è e a cosa serve

Grassello di calce: cosa è e a cosa serve

Il grassello di calce è un materiale naturale minerale composto da idrossido di calcio e acqua. I migliori prodotti sono quelli stagionati a lungo e derivati da pietre calcaree purissime. Si tratta di un prodotto ecologico, commercializzato in pasta e usato nel campo dell’edilizia come rivestimento murale per interni. Questo lo rende ideale come materiale di impiego nella bio-edilizia.

Contenuti di: Grassello di calce: cosa è e a cosa serve

A cosa serve

Il grassello di calce è indicato nelle ristrutturazioni e nel restauro di interni classici caratterizzati dalla presenza di decorazioni murali d’epoca, anche di notevole valore storico e artistico.
La sua versatilità lo rende inoltre ideale nel fai da te e nel bricolage, per creare decorazioni murali di vari colori e finiture in base alla creatività ed al gusto personale.

Se vuoi ottenere delle decorazioni d’interni particolari con il fai da te, anche a prescindere dal contesto dello stile classico e del restauro, il grassello è la scelta giusta. Si tratta infatti di un materiale molto malleabile che ti permette di realizzare meravigliosi effetti uniformi per le tue decorazioni murali, anche nell’ambito degli interni moderni.

Potrai ottenere una finitura lucida per un effetto decorativo elegante e rifinito.
La sua morbidezza e plasticità ti permette anche di stendere strati di notevole spessore per creare o restaurare intonaci di qualsiasi stile.

Come si applica

Adesso vediamo insieme come fare per applicare il prodotto al meglio:
Il grassello di calce è una pasta che si applica con il frattazzo in acciaio inox. Per applicarlo in maniera corretta si devono eseguire almeno tre passaggi.

  1. Prima di iniziare la stesura del prodotto devi assicurarti che il supporto di fondo sia liscio e pulito, altrimenti carteggia e pulisci bene il supporto da polvere e residui.
    Ricorda sempre che il prodotto deve essere applicato in piccole quantità, in questo modo sarà più semplice ottenere e gestire l’uniformità.
  2. Ora puoi iniziare a stendere il primo strato con il frattazzo inox in maniera uniforme, cercando di creare uno strato omogeneo. Trascorse circa 12 ore puoi procedere all’applicazione del secondo strato, che dovrà asciugare dalle otto alle venti ore in base al prodotto. (consulta la tabella sulla confezione).
    A questo punto dovrai carteggiare il supporto con carta abrasiva leggera da 220.
  3. Superata queste due prime fasi preparatorie, potrai dedicarti alla finitura e alla lucidatura. Prima di procedere assicurati però, che la lama del frattazzo o della spatola sia pulita e in perfetto stato, per scongiurare problemi di imperfezioni (graffi o vuoti) nella finitura. L’ultimo passaggio è la lucidatura. Per ottenerla è consigliabile usare la spatola rettangolare con le punte arrotondate. Muovendo la spatola in diagonale e premendo dall’alto verso il basso otterrai una finitura lucida e liscia. Ricorda che i movimenti devono essere rapidi ed uniformi.

Considerando che si tratta di un materiale traspirante, non dovrai preoccuparti di eventuali crepature dovute ad umidità e batteri.

Colori

Prima di acquistare il grassello di calce pondera bene la scelta del colore. A volte i colori dipendono dai materiali che vengono impiegati nella miscela come marmi pregiati (es. Carrara), terre naturali e additivi minerali per effetti cromatici sofisticati come quello puntinato o iridescente.
In base all’effetto decorativo che vuoi ottenere, puoi usare il grassello di calce mono o bicolore. Solitamente è disponibile in commercio in varie tonalità pastello che vanno dai toni beige, azzurro, blu, rosa, porpora, giallo e verde.

Prezzo

Infine è importante sapere che il prezzo del grassello di calce dipende dalla sua purezza e dal periodo di stagionatura, che può durare anche 5 anni. Quello di ossido di calcio puro, è molto più pregiato perché più morbido e lavorabile rispetto a quello di calce dolomitica che però, è poco più economico.

Vedi anche

legno teak

Legno teak: usi, caratteristiche e manutenzione

Se sei un appassionato di fai da te ed in particolar modo di falegnameria, un ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *