lunedì , 20 novembre 2017
Home / Soluzioni tecniche / Acido Tamponato

Acido Tamponato

Usare acido tamponato

L’acido tamponato è uno dei prodotti che viene principalmente utilizzato in campo edile, ovvero per la pulizia delle superfici domestiche dopo l’esecuzione di lavori..

Acido tamponato a cosa serve

Esso si presenta come un liquido acquoso costituito dai seguenti elementi: acido solfammico e tensioattivi emulsionanti. E’ possibile trovare il prodotto in vendita secondo due tipi di misure, una versione da un litro e un’altra da una tanica di cinque litri e venti litri. Tale acido consente una maggiore riduzione dei residui sulla pavimentazione facilitando la pulizia. Inoltre non contiene acido muriatico e quindi non evapora sostanze tossiche. L’utilizzo di questo tipo di prodotto risulta molto utile ed efficiente in campo edile ed è applicato per la pulizia di pavimenti come marmi, graniti, klinker, pietra, e tutti quei materiali calcarei non lucidati. Se si eseguono esami specifici di reattività su materiali di ceramica e porcellana, e se risultano idonei allora può essere applicato anche su questo tipo di superfici. Gli unici posti dove non va applicato assolutamente l’acido tamponato sono le superfici di ardesia e marmi lucidati.

Acido tamponato come si usa

ACIDO TAMPONATO PROFUMATO LT.1 Confezione da 12PZPer quanto riguarda la modalità di applicazione del prodotto si procede in questo modo. Dopo un’analisi della superfice su cui si vuole agire si valuta dunque se presenta molti o pochi residui di post lavorazione da pulire. In base a questo poi si inizia a miscelare l‘acido tamponato
con poca o più acqua (vi consigliamo di fare delle prove su una mattonella avanzata iniziando prima con una diluizione elevata e vedere come reagisce il supporto e dopo questa prova utilizzare, se occorre, l’acido sempre più concentrato). Dopo questa prima operazione si procede con la stesura del prodotto su tutta la base interessata lasciando agire il prodotto e poi si inizia a spazzolare la pavimentazione con spugne, spazzole, insomma con oggetti che vadano a distribuire bene il prodotto agendo con forza sulla superficie per consentirne l’applicazione. Poi si passa alla fase del lavaggio con acqua per eliminare tutti i residui scrostati e si raccoglie il tutto mediante stracci, spugne e se si è dotati di aspiraliquido per avere un ottimo risultato. Infine si procede con un ulteriore lavaggio con un nuovo panno pulito e acqua. Ovviamente l’operazione di lavaggio e detersione va eseguita più volte finchè non si ottiene il risultato che si vuole ottenere.

L’utilizzo dell’acido tamponato è una vera soluzione per ripristinare a nuovo la propria pavimentazione o semplicemente pulire dai lavori di una nuova pavimentazione. Esso infatti agisce su sporco come grasso, calcare, cementiti, incrostazioni di mattonelle non trattate, residui vari senza intaccare la natura e le componenti delle superfici.
Ad esempio nel caso di gres porcellanato e cotto (per citare solo alcuni esempi) consigliamo sempre di fare una prova applicando l’acido tamponato diluito su un pezzo di scarto e su zone poco visibili tipo, sotto un mobile.

L’acido tamponato è utile anche per la pulizia di sanitari di bagni in quanto garantisce una pulizia a fondo ed il materiale si presenta resistente all’acido e consente la pratica di una pulizia periodica. E’ bene tenere presente che l’acido tamponato può essere sconsigliato per elementi di metallo e acciaio perciò si consiglia di proteggere questi se presenti vicino alla pavimentazione rivestendoli. Infine si richiede sempre l’utilizzo di guanti in gomma per l’applicazione sicura del prodotto in quanto si tratta di un prodotto irritante e corrosivo e va tenuto lontano dalla portata dei bambini. Infine si può definire che l’acido tamponato è uno dei prodotti necessari dal punto di vista dell’edilizia e in effetti è un prodotto largamente utilizzato per la sua efficienza e necessità dei suoi ottimi risultati.

Vedi anche

cappotto interno

Cappotto interno: il giusto isolamento termico per la casa

  Il cappotto interno serve a garantire il corretto isolamento termico e acustico, ed è ...

6 commenti

  1. Emilia Bettinelli

    Vi ringrazio anticipatamente ..esiste un prodotto che copre le macchie lasciate dall acido usato per il lavaggio tubature caldaia…è stato tolto il colore dalle mattonella e rosse che usavano una volta per i balconi e i pavimenti dei pianerottoli …acido tamponato …non credo serva ….,in questo caso …grazie1000

    • Ciao Emilia,
      ti prometto che mi informerò meglio sulla tua problematica, ma da quello che mi è sembrato di capire il tuo problema non è quello di “togliere”, “lavare”, o “pulire” qualche cosa, ma di ridare colore a qualche cosa che l’acido del lavaggio della caldaia ha corroso, se il discorso è questo la vedo un pò dura, perchè quelle che vedi tu non sono macchie ma corrosione del materiale della mattonella.
      Come promesso cercherò di informarmi meglio presso qualche azienda specializzata in prodotti per la pulizia (ovviamente con un taglio sul professionale).
      Come dico a tutti avere le foto sarebbe utile a me ed anche agli altri utenti in modo tale da focalizzare il problema sempre al meglio.

  2. Ciao! Mi sono appena trasferita nella mia nuova casa dove ho dovuto fare dei lavori di ristrutturazione, in giardino il pavimento è cotto e volevo pulirlo per bene ma ho 2 paure che mi bloccano nel pulirlo con l’acido tamponato, la prima ho paura che mi bruci il prato da non farlo piu ricrescere e la seconda è che ho ina tartaruga che gira in giardino e molto spesso anche sul pavimento ed ho paura di creargli problemi che gli possa far male… può aiutatmi? Dandomi qualche info in più relative alle mie paure?

    • Ciao Giada,
      non mi sbilancio troppo nel consigliarti su aspetti non prettamente tecnici, però quello che posso dirti è che prima di usare l’acido tamponato per la pulizia della pavimentazione ti consiglio di utilizzare prodotti specifici per la pulizia del cotto (quasi tutte le aziende specializzate hanno un prodotto specifico a catalogo) , in più quando si va ad utilizzare per la prima volta un prodotto su una superficie è fondamentale fare prima una prova su una mattonella avanzata o su una parte poco esposta del pavimento, facendo varie prove, partendo con una diluizione molto alta per poi passare a concentrazioni più elevate facendo asciugare bene il supporto tra una prova e l’altra, verificando ad ogni applicazione come sta reagendo il supporto (in particolar modo se si opacizza).
      Fatta questa premessa il consiglio che ti do e di non utilizzare un eccesso di prodotto quindi utilizza solo quello che ti serve in particolar modo non eccedere in prossimità del prato, nei bordi cerca di applicare il prodotto togliendolo quasi subito con una spugna e poi sempre con la spugna pulisci con dell’acqua pulita (ripeti l’operazione 2 o 3 volte) in modo tale da non mandare residui nel prato, in questo modo “taglierai la testa al toro” e non ti dovrai preoccupare di nulla!!! di sicuro ci vorrà un pò più di tempo ma sarai sicura di non far danni.
      Spero di esserti stato di aiuto.

  3. Buona sera sto facendo eseguire delle opere di ristrutturazione nel mio futuro appartamento,ma stamattina all mio arrivo per un controllo ho trovato che avevano posato il parquet nel soggiorno senza proteggere le parti già realizzate mentre i pittori dipingeva il resto dell’appartamento e senza aver pulito il pavimento dei bagni, quindi il parquet posato risultava bianco di polvere che veniva trasferita dal passaggio degli operai…non vi dico la sfuriata ….ma ora cosa succederà al parquet posato come sarebbe meglio pulirio…devo farlo togliere e riposare di nuovo perché rimarrebbe comunque danneggiato inreparabilmente…..il parquette è la plancia in rovere di tipo preferito. Ringrazio

    • Buongiorno Graziella,
      se ho ben capito quello che trovi sul parquet sono le “pedate” degli operai????
      Allora credo che sia tutto recuperabile (almeno da quello che posso capire) io proverei da subito a pulire con dei prodotti specifici per la pulizia del parquet.
      Il mio unico dubbio è capire lo stato della posa in opera del parquet…..ara già stato lucidato??? il parquet era completamente finito oppure dovevano ancora terminare il lavoro??? è fondamentale sapere questo.
      Anche se un pò in ritardo con la risposta aspetto tue notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *