mercoledì , 20 settembre 2017
Home / Soluzioni tecniche / Come eliminare la muffa dai muri definitivamente

Come eliminare la muffa dai muri definitivamente

Non possiamo di certo nasconderlo, uno dei problemi più grossi delle abitazioni è quello della muffa. Il web, le riviste specializzate e di conseguenza le aziende stesse investono tantissimo su questo grande problema, cercando di capirne cause e rimedi.

Vai di fretta e vuoi saltare alle conclusioni? Ti consiglio comunque di leggere tutto l’articolo, ma se vuoi vai direttamente alle conclusioni!

In realtà è tutto molto complicato e in questo articolo non voglio soffermarmi neanche troppo su quelle che sono le cause della formazione di muffe, il motivo di tale scelta è molto semplice, le varianti che intervengono in una problematica simile sono tantissime e non tutte controllabili. Bisognerebbe ripartire da zero, capire in che modo è stata costruita l’abitazione e tutti i cambiamenti subiti negli anni. Spessissimo m sento dire: “ma noi è una vita che abitiamo qui e non abbiamo mai avuto muffa, come mai adesso ne siamo invasi?”, i fattori sono troppi e come già detto alcuni non controllabili direttamente da noi.

Eliminare la muffa

Togliere la muffa dai muri si può?

Togliere definitivamente la muffa dai muri e quindi eliminare una volta per tutte il problema della muffa è una sfida durissima, ma non disperare potrebbe essere più semplice del previsto!
Per prima cosa, come è mio solito, cercherò di riepilogare le domande o affermazioni che mi vengono fatte più spesso in tema di muffa.

  • Esistono degli antimuffa naturali?
  • Posso eliminare la muffa con la candeggina?
  • Esiste un trattamento antimuffa definitivo?
  • Esistono antimuffa fai da te?

Voglio prendere delle posizioni nette e forse anche compromettenti in merito all’eliminazione della muffa dai muri:

  1. A mio modo di vedere su problematiche serie la pittura antimuffa è come acqua fresca… non serve a nulla!
  2. Pitture a base di calce (ma bisogna capirne il reale valore) possono fare tantissimo contro la formazione di muffe.
  3. Se il problema è di condensa, le pitture anticondensa possono fare molto (ma dipende sempre dalla gravità del problema).
  4. Se hai muffa in casa non dare la colpa ad un film sottilissimo di pittura, le cause sono da ricercare altrove.
  5. Lo smalto sulle pareti è una delle soluzione che preferisco, in molti invece inorridiscono!
  6. Utilizzare dei pannelli in polistirolo contro al muffa, è un’altra ottima idea al pari dello smalto, forse quella che risolve davvero il problema, ma si tratta di una soluzione un po’ più invasiva.

Di sicuro affronterò meglio e in maniera dettagliata tutti questi punti in articoli e approfondimenti successivi, ma in questo voglio darti una soluzione definitiva al problema o meglio una delle possibili soluzioni che ritengo personalmente più efficace.

I rimedi definitivi contro la muffa

Contro la muffa andiamo sempre sulle difensive, cerchiamo sempre di contrastarla, ci riusciamo? Non sempre purtroppo, quindi perché non cambiare strategia?
Lasciamola sfogare, facciamola divertire!
Perché non tutti ti propongono questa soluzione? Semplice, è veloce ed economica e nella filiera questo non conviene molto!

Ti faccio una domanda: nei bagni e nelle cucine cosa si utilizza? Risposta: le mattonelle!
La muffa non riesce ad attaccare le mattonelle perché non assorbono, non traspirano; allora perché non cercare soluzioni simili ma con delle tinte per pareti?

Muffa alle pareti e tinte smaltate

Prova a verniciare le pareti con delle tinte smaltate, se dovesse scorrere dell’acqua sui muri, la muffa non si formerà e se dovesse formarsi resterà in superficie e sarà semplicissimo pulirla.
Visto? Niente di più semplice! Ma, mi raccomando non dirlo in giro, le aziende potrebbero non prenderla molto bene!

Questo approccio sembra molto riduttivo e un po’ ingannevole, visto che ho titolato questo articolo con “eliminare definitivamente la muffa“. Ti garantisco però che molto spesso è meglio allearsi con il nemico; adottare una soluzione di questo genere potrebbe essere veramente una soluzione definitiva. Ovviamente potresti controbattere dicendo che comunque la muffa c’è sempre in quanto la formazione della stessa potrebbe presentarsi più di prima, ma cosa cambia? Quello che cambia è che la muffa si insidierà solo superficialmente e non riuscirà a penetrare nel muro evitando che si annidi nell’intonaco (condizione complicata da risolvere) e di conseguenza rimuoverla sarà molto semplice.

Muffa e condensa sui muri

Come già detto altra soluzione sperimentata con grande successo in molte casistiche è quella di applicare del polistirolo alle pareti (in particolar modo per muffa derivante da condensa).
Il neo di questa applicazione qual è?
Se la muffa di condensa si presenta sul soffitto, questa è la prima strada da seguire, in quanto il polistirolo applicato a soffitto una volta verniciato sembrerà a tutti gli effetti muro e soprattutto mai nessuno andrà a rompere le scatole a un soffitto, di conseguenza la soluzione sarà a vita!
Giustamente molti utenti mi fanno osservare che questa soluzione applicata a pareti potrebbe dare qualche problema, in quanto essendo il polistirolo un materiale “morbido” potrebbe risentire molto di eventuali urti, provocando delle ammaccature o ancor peggio delle vere e proprie rotture. Per cui questa applicazione adottata su pareti molto esposte agli urti risulta essere  antiestetica e poco funzionale, di conseguenza va valutata caso per caso.

La mia soluzione personale ai problemi di muffa

Adesso vorrei condividere con te una mia esperienza personale. Avendo avuto seri problemi di muffa in tutta la mia abitazione posso affermare con decisione che ho eliminato definitivamente la muffa dai miei soffitti applicando del polistirolo dallo spessore di 6 mm e con l’aggiunta di profili sempre in polistirolo, per evitare zone fredde negli angoli. Ma nella cameretta dei miei figli (quella che avevo più a cuore) esposta a nord, quindi con 2 pareti particolarmente fredde, non sono riuscito a eliminare il problema con l’applicazione dello stesso polistirolo (mi sono esposto anche a difetti estetici dovuti alle numeroso “botte” che i 2 diavoletti inevitabilmente sferravano contro le pareti), infatti la formazione della muffa (anche se in misura minore) è continuata.
Ho cercato di capirne i motivi e francamente credo che la combinazione di camera non grandissima (3 x 3,5 mt) e muri molto freddi, con formazione di molto vapore acqueo (il solo respiro già basta e avanza) hanno messo a dura prova anche il polistirolo ed inoltre non dimentichiamo che in giornate invernali particolarmente umide la muffa in 2/3 giorni ti frega, tu non la gestisci e lei ti punisce!
A questo punto cosa fare? Ho cercato di fare del mio meglio, ma anche utilizzando le migliori soluzioni il problema non va via. Bisogna essere un pochino più drastici e pensare a soluzioni che esulino da vernici e piccoli strati di materiale, cercando di dare il maggior confort ai bimbi ed evitando di stringergli ulteriormente la camera adottando soluzioni a cappotto molto invasive.
Questo inverno ho deciso di installare uno scambiatore d’aria con recupero di calore!

Vedi anche

pavimento in pvc effetto legno

Pavimenti in PVC: ecco tutti i motivi per sceglierlo

Quando mi chiedono qual è il tipo di pavimento più facile da installare e mantenere, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *