venerdì , 13 Dicembre 2019
Home / Soluzioni tecniche / Rendi la tua casa a prova di umidità: come risolvere il problema della muffa in casa

Rendi la tua casa a prova di umidità: come risolvere il problema della muffa in casa

Ci sono alcune città particolarmente famose per essere piovose e, di conseguenza, umide. Una fra queste è Monza. Prendo come esempio questa cittadina perché proprio da lì ci sono arrivate diverse richieste di aiuto da persone afflitte dal problema della muffa in casa. Il disagio si presenta soprattutto dopo aver sostituito i vecchi infissi con altri nuovi costruiti con materiali innovativi. Capita allora di ritrovarsi con quelle orribili macchie di muffa in casa, sui soffitti e sulle pareti, che non vogliono andarsene. Non è certo comodo dover imbiancare casa ogni anno, vivendo oltretutto in un ambiente poco salutare.
Quando arrivi a fare una lamentela al venditore degli infissi, la risposta che ti torna indietro è sempre la stessa: non è stato arieggiato abbastanza l’appartamento. Qual è, in realtà, la soluzione giusta contro la muffa in casa? Come prima cosa ti consiglio di contattare un fabbro a Monza che non si limiti a dare risposte di questo tipo, ma che sappia affiancarti sia in fase di scelta dei nuovi infissi, sia in caso di problemi successivi all’installazione.

Contenuti di: Rendi la tua casa a prova di umidità: come risolvere il problema della muffa in casa

Infissi di nuova generazione: pregi e difetti

Scegliere infissi di qualità ci porta indiscutibilmente numerosi vantaggi, primo su tutti il risparmio energetico dovuto all’isolamento termico dato dalle finestre. È infatti possibile ottenere grandi agevolazioni fiscali per l’installazione di nuovi infissi. Si arriva a poter detrarre fino al 65% della spesa totale nel caso di interventi che mirino a migliorare l’efficienza energetica di un appartamento. I bonus sono stati confermati anche per tutto il 2019 proprio per dare la possibilità ai proprietari di immobili di migliorarne l’abitabilità.
I pregi di montare nuovi infissi sono ovviamente moltissimi. Avrai senza dubbio una casa più calda, con conseguente aumento del risparmio energetico. Spenderai di meno e vivrai in un ambiente confortevole, senza spifferi e dispersioni di calore. La tua abitazione diventerà inoltre molto più silenziosa. Sarà anche sicuramente più bella: gli infissi in alluminio o in pvc sono pensati con linee eleganti, in diversi colori per adattarsi a ogni stile di arredamento.
Ma quali sono i contro nel montaggio di nuovi infissi in casa? In realtà non ce ne sono, a patto che il professionista che chiami per i lavori sappia fare il suo dovere. I principali problemi di muffa in casa e eccessiva umidità seguenti al montaggio di infissi nuovi, infatti, sono da attribuire a una cattiva installazione, con un errato accostamento di materiali diversi, causa di fastidiosi ponti termici.

Ponti termici: ecco spiegata la muffa in casa

Sono proprio i ponti termici i responsabili della formazione di muffa e umidità in casa. I ponti termici sono zone di discontinuità nella struttura dell’edificio, dove il flusso di calore fra interno ed esterno è differente rispetto alle altre parti. Generalmente si crea un maggiore scambio di calore che provoca i cosiddetti punti freddi, reale causa della formazione della condensa.
Come rimediare? In fase di montaggio sarà il professionista che si occupa dei lavori a dover capire come procedere con l’installazione e calcolare gli eventuali ponti termici. La normativa EN UNI TS 11300 stabilisce, tra l’altro, i criteri di valutazione per il calcolo delle prestazioni energetiche, sia per gli edifici di nuova costruzione che nel caso di opere su abitazioni esistenti.
Se ormai il danno è fatto e la tua casa continua ad avere problemi di muffa, non preoccuparti. Non sarai costretto né a tenere aperte le finestre persino in inverno, né a rimettere mano ai lavori svolti. Oggi sono disponibili soluzioni innovative per creare un ambiente ideale in casa. Tra queste, potresti valutare di piazzare degli areatori intorno al telaio delle finestre. Si tratta di piccole strutture che permettono un ricambio d’aria ottimale, senza andare ad incidere sull’efficienza termica dell’appartamento.
Soluzione sicuramente più efficace è data invece dagli aeratori con recupero di calore. Si tratta di un elettrodomestico che immette aria all’interno dell’appartamento solo dopo averla filtrata e riscaldata. In questo modo non si perde nemmeno un grado del calore interno e si ha il vantaggio di avere aria sempre pulita e libera dall’umidità, persino in una città umida come Monza. Anche in questo caso il sopralluogo di un esperto potrà darti tutte le informazioni più dettagliate secondo le tue particolari necessità.

Vedi anche

Come verniciare l’alluminio: tecniche e prodotti utili

L’alluminio è uno dei materiali più utilizzati oggigiorno, a causa degli innumerevoli vantaggi che è ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *