giovedì , 17 gennaio 2019
Home / Soluzioni tecniche / Veletta in cartongesso: come si realizza e costi
veletta in cartongesso

Veletta in cartongesso: come si realizza e costi

La veletta in cartongesso è un elemento molto usato in edilizia che si compone di una placca di poco superiore ai 10 millimetri in gesso che si appoggia su un’anima di metallo che la sostiene. Il suo utilizzo è servire come collegamento per i controsoffitti.
Viene usata per eseguire l’abbassamento del soffitto o per la chiusura frontale dei controsoffitti. La veletta in cartongesso è la soluzione migliore se si vuole creare una struttura complessa come ad esempio una volta o cassonetti per abbellire l’ambiente con originalità.

Contenuti di: Veletta in cartongesso: come si realizza e costi

Come costruire una veletta in cartongesso

Come si costruisce una veletta in cartongesso? Vediamo insieme il procedimento che in realtà è molto più semplice di quello che sembra, se siete amanti del fai da te e bricolage, potete anche cimentarvi da soli nella costruzione di una veletta in cartongesso.
Naturalmente prima di iniziare il lavoro, sarebbe utile fare un progetto che vi consenta di calcolare con esattezza tutte le misure e la quantità di materiale che dovete procurarvi. Se intendete occuparvene di persona, in un buon centro di bricolage sapranno aiutarvi a calcolare quanto materiale acquistare.
Per la realizzazione di una veletta in cartongesso servono le apposite guide, le lastre in cartongesso e alcuni attrezzi. Procuriamoci quindi del “filo gessato” per delimitare la struttura di appoggio, una bolla di precisione per realizzare dei piani perfetti, delle forbici in grado di tagliare il ferro, un taglierino per i pannelli, angoli per velette, viti e tasselli, spatole per stucco, carta di vetro e un avvitatore elettrico. Servirà inoltre del fissante e della vernice per completare il lavoro.

Prima di tutto dovete mettere le guide da 30×27 su tutto il perimetro della zona in cui poi applicherete i pannelli, quindi dovete prendere le misure con molta attenzione e segnare dove applicare la guida.
Sopra a questo perimetro metterete la lastra in cartongesso da 12 millimetri, quindi calcolate bene, se ad esempio la veletta dovrà scendere sulla parete di 20 centimetri, la guida va applicata a 18,8 centimetri.
Applicherete poi una guida interna, cioè con la parte vuota verso il muro. Prima di andare ad inserire le lastre bisogna mettere i montanti da 50×70. Procederete poi col montare le lastre, mettere gli angoli, stuccare, carteggiare e infine imbiancare per rendere tutto uniforme.

Per tutti questi lavori, fatevi aiutare da un avvitatore elettrico e dalle viti adeguate in maniera tale da rendere meno faticoso il lavoro e molto più veloce.

Veletta in cartongesso sospesa

La veletta in cartongesso sospesa è una variante molto utilizzata negli ultimi anni. La sua particolarità è che non appoggia sulle pareti, ma viene fissata al soffitto con dei tiranti, il che vi consente di metterla dove più vi piace.

Nelle case moderne, le velette sospese sono molto utilizzate non solo per una questione estetica, ma principalmente per illuminare con i faretti led di ultima generazione. Infatti in questo modo tutti i fili elettrici e il faretto stesso, verranno nascosti nella veletta, creando un’illuminazione di design. Naturalmente con una veletta sospesa non si possono nascondere solo i fili elettrici dell’impianto d’illuminazione, ma anche climatizzatori a soffitto, travi, tubi o qualsiasi cosa non vogliate vedere.

Costi

Il costo di una veletta in cartongesso si può calcolare al metro lineare per un altezza di 100 centimetri massimo, in questo caso, nel prezzo è compreso il materiale e la posa.

Ricordatevi che per la realizzazione di una veletta in cartongesso, non sono previste agevolazioni fiscali di nessun tipo. Tuttavia, se l’intervento di ristrutturazione è piuttosto importante, e prevede l’applicazione di una veletta in cartongesso per isolare termicamente, o acusticamente uno o più locali, la spesa può essere totalmente detratta. Anche se non sono stati fatti lavori murari veri e propri, rientra nelle detrazioni dei lavori eseguiti per il risparmio energetico.

Se non siete esperti nel fai da te e volete affidarvi a una ditta specializzata fatevi fare prima dei preventivi e informatevi sui lavori svolti in precedenza per essere certi che il lavoro sia eseguito nel migliore dei modi.

Vedi anche

finestra con inferriata

Come proteggersi da ladri. L’importanza di dotare la propria casa di inferriate e sistemi difensivi adeguati

I furti in appartamento sono in continuo aumento. Lasciare la propria abitazione per andare a ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *