domenica , 19 novembre 2017
Home / Vernici / Vernice poliuretanica mono e bicomponente

Vernice poliuretanica mono e bicomponente

Nel mondo delle vernici non è molto semplice fare chiarezza, ma non perchè parliamo di cose astratte o interpretabili, infatti c’è poco da interpretare quando si parla di prodotti creati in laboratorio e con ben specifiche caratteristiche tecniche, ma la difficoltà di rispondere ad alcune domande comuni nasce dal fatto che alcuni prodotti vengono inseriti in determinate categorie di appartenenza (ad esempio vernici poliriuretaniche) ma a volte la differenza tra uno o l’altro prodotto la fa la qualità dell’azienda produttrice, in pratica una classica vernice all’acqua di alta qualità potrebbe essere migliore di una vernice poliuretanica di scarsa qualità.
Ovviamente se paragoniamo vernici di alta fascia non facciamo fatica a dire che le vernici poliuretaniche sono di gran lunga migliori di molti alti prodotti.
La vernice poliuretanica è una tipologia di prodotto con altissima resistenza meccanica e con ottime caratteristiche chimico-fisiche che la rende inattacabile a moltissimi liquidi.
La vernice poliuretanica la possiamo trovare sia monocomponente e sia bicomponente.

Contenuti di: Vernice poliuretanica mono e bicomponente

Vernice poliuretanica monocomponente

Di sicuro il punto di forza di questo prodotto è la praticità di utilizzo, infatti non necessita di nessuna aggiunta di altro componente e questo è già un grosso vantaggio, in più il ciclo di vita applicativo lo possiamo paragonare ad una normale vernice questo si traduce in una notevole semplicità di utilizzo e se dovesse avanzare del prodotto alla fine dell’applicazione basterà richiudere il barattolo e il prodotto potrà essere utilizzato in un secondo momento.

Vernice poliuretanica bicomponente

I pro sembrano tutti a favore del monocomponente ma in effetti non è così, infatti molti applicatori usano solo ed esclusivamente vernici poliuretaniche bicomponenti ed il motivo è molto semplice, questa tipologia di prodotto è molto più resistente della precedente, le sue caratteristiche meccaniche si amplificano come pure quelle chimico fisiche donando una protezione unica al prodotto trattato.
Il bicomponente non è di certo il miglior prodotto per i meno esperti in quanto il prodotto va preparato con le giuste proporzioni (ma questo potrebbe non essere un problema insormontabile) inoltre va applicato in un tempo relativamente breve in quanto il prodotto una volta catalizzato non può essere più applicato.

Il consiglio che vi diamo e di fare bene attenzione al tipo di prodotto che scegliete in particolar modo se si tratta di applicazioni esterne in quanto alcuni prodotti potrebbero ingiallire.

Vedi anche

tintometro

Tintometro: ecco come replicare i colori con (assoluta) precisione

Scegliere il colore per le pareti di casa è un aspetto davvero importante per dare stile ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *