martedì , 11 dicembre 2018
Home / Design / Come costruire una libreria fai da te
libreria

Come costruire una libreria fai da te

Tra i mobili e i complementi d’arredo di una casa non può certo mancare una bella libreria. In commercio si trovano soluzioni di ogni genere che sono adatte per qualsiasi esigenza pratica o preferenza stilistica. Tuttavia, se preferisci ottimizzare al meglio lo spazio a disposizione ottenendo una libreria diversa da tutte le altre e completamente personalizzata, puoi decidere di costruirla da solo. Non è necessario avere conoscenze tecniche specifiche per portare a termine il lavoro. Vediamo insieme come si fa, seguendo poche ma importanti raccomandazioni pratiche. Per quanto concerne l’attrezzatura, anche in questo caso non dovrai preoccuparti poiché non occorre disporre di strumenti professionali. È più che sufficiente la dotazione standard che si trova in una comunissima cassetta degli attrezzi, con l’aggiunta di un trapano avvitatore e altri strumenti da lavoro, in base al materiale scelto per realizzare la libreria, che prenderemo insieme in considerazione nei passi di questa guida. Ti raccomando ovviamente di utilizzare i guanti e di operare sempre in sicurezza, nonostante si tratti di un lavoro complessivamente abbastanza semplice.

Idee creative per una libreria fai da te

La prima cosa che devi fare è trovare un’idea diversa dal solito, che sia veramente originale, in modo poi da progettare e da ottenere una libreria fai da te inimitabile che tutti i tuoi ospiti ti invidieranno. Una brillante alternativa è rappresentata dai materiali di riciclo. Questa scelta è diventata quasi una moda nel settore dell’arredamento perché si riesce a coniugare la praticità con il riuso degli oggetti che altrimenti andrebbero a finire tra i rifiuti. Insieme prenderemo in esame alcuni spunti ma non dovrai dare limite alla tua fantasia, potendoti sbizzarrire assemblando cose che apparentemente non c’entrano nulla con la costruzione di una libreria e che invece possono rivelarsi utili e versatili. Per esempio potresti pensare di utilizzare uno o più pallet. L’ideale sarebbe posizionarlo in verticale, con la parte sottostante della base del pallet rivolta verso la stanza. Per realizzare questa libreria sarebbe opportuno usare un pallet non troppo rovinato. Ovviamente sarebbe meglio riverniciarlo dopo aver carteggiato la superficie eliminando poi polvere e altre impurità. Dopodiché darai la prima mano di impregnante e successivamente procederai con la verniciatura usando un prodotto specifico per legno. Puoi fissare la libreria alla parete mediante un supporto e con i tasselli ad espansione. La parte superiore della tua libreria può diventare anche un piano d’appoggio per i soprammobili o per una pianta da interno. Se invece preferisci dare uno stile diverso all’ambiente puoi creare una libreria ricorrendo ai tubi che si usano comunemente nei lavori di idraulica, unendoli tra loro proprio coi giunti per tubazioni. A seconda dell’esigenza estetica sono adatti sia i tubi in acciaio sia quelli in rame, che conferiscono anche un tono di eleganza alla scaffalatura. Le mensole della tua libreria potrebbero essere sostenute anche da blocchi di cemento su cui poggiare il pannello in legno. Peraltro le fessure interne dei blocchi di cemento possono essere usate per posizionarvi dentro oggettistica decorativa o come spazio per riporre altre cose come penne o righelli. L’ultima versione creativa che ti propongo è quella di utilizzare una vecchia scala in legno trasformandola in una vera e propria libreria. Sarà sufficiente assicurare la scala alla parete per il senso orizzontale e riporre i libri sfruttando i gradini della scala, che devono essere leggermente distanziati dal muro.

Dalle idee al progetto

La tua libreria non potrà essere realizzata con l’improvvisazione. Per cui è di fondamentale importanza ricorrere a una progettazione preliminare prima di passare alla fase concreta di realizzazione. La prima cosa da fare è prendere le misure. Può sembrarti un’azione banale ma le misurazioni non vanno fatte a caso bensì dovendo sempre considerare lo spessore del materiale. Inoltre servirà calcolare le distanze tenendo conto della tolleranza dovuta all’utilizzo di attrezzi come il trapano che non sono precisi al millimetro. Quindi le misurazioni vanno fatte con attenzione per tutti i dettagli, compresi quelli strettamente operativi. Il progetto può essere rappresentato da un semplice disegno su carta. In questo caso sarebbe preferibile utilizzare una scala precisa di riduzione delle grandezze che rispecchi le proporzioni reali. All’occorrenza puoi seguire il disegno e segnare nel muro con un lapis a punta morbida i punti esatti dove farai i fori per mettere i tasselli o dove metterai i supporti per le scaffalature della libreria. Il progetto tuttavia non riguarda soltanto il disegno ma anche e soprattutto la pianificazione del lavoro. Gli step necessari per completare l’opera, infatti, dovranno seguire una successione logica, evitando di fare prima gli interventi che vanno eseguiti dopo. L’errore più classico, per esempio, è verniciare un pannello in legno prima di aver praticato i fori, con il rischio conseguente di rovinare la superficie. L’altra caratteristica di una progettazione ben fatta è la previsione delle attrezzature necessarie. Dall’idea di base passerai al disegno dell’opera e avrai cura di elencare accuratamente gli attrezzi per fare il lavoro. Così quando ti dedicherai alla parte pratica non dovrai perdere tempo per cercare i mezzi da lavoro necessari poiché avrai preparato in precedenza la dotazione occorrente.

Quale materiale scegliere

Abbiamo valutato numerose idee originali per ottenere una libreria. Insieme abbiamo anche visto che bisogna procedere con attenzione, partendo da un progetto preventivo molto dettagliato senza lasciare nulla al caso. Però dobbiamo fare un piccolo passo indietro per valutare una scelta che è determinante, ovvero quella dei materiali da utilizzare. Per la tua libreria fai da te può essere impiegato il legno, il cartongesso, la plastica, il vetro, il plexiglass, l’alluminio o altre tipologie di metalli. Per l’utilizzo del legno e del cartongesso vedremo insieme nei prossimi paragrafi come fare. In questo passo ci dedicheremo agli altri materiali.

La plastica per esempio è un’alternativa molto diffusa, specialmente per quanto riguarda il pvc. Si tratta di un materiale resistente che ha la peculiarità di poter essere pulito con estrema facilità. Inoltre può essere collocato anche in ambienti umidi senza alcun problema. Oppure puoi realizzare la libreria fai da te in vetro, per dare un tocco di raffinatezza e di eleganza all’ambiente. In tal caso ti consiglio di acquistare scaffalature già pronte perché ovviamente il taglio delle lastre di vetro non è un’operazione semplice di bricolage. Se vuoi il medesimo effetto estetico delle trasparenze ma temi che il vetro si possa infrangere o semplicemente se preferisci un materiale che sia più facilmente lavorabile, la scelta può ricadere sul plexiglass. Nei negozi di fai da te e in quelli di arredamento puoi trovare scaffalature in plexiglass di qualsiasi forma, dimensione, spessore e colore. L’altro materiale che può rappresentare una valida scelta è l’alluminio o un’altra lega metallica leggera. In commercio si trovano profili già pronti per l’assemblaggio che possono adattarsi perfettamente a qualsiasi tipo di esigenza. Se scegli una libreria di questo tipo il lavoro di fai da te, essendo prodotti già pronti per essere installati, si limita al montaggio e alla collocazione nella postazione preferita.

Libreria in legno

Se sei un amante delle cose classiche la scelta del legno fa proprio al causo tuo ed è sicuramente anche la più diffusa. Peraltro la libreria può essere realizzata con legno massello pregiato, magari in perfetta continuità con lo stile dell’arredamento interno dell’abitazione. Il maggior costo relativo all’acquisto di legno pregiato potrà essere assorbito dall’idea di procedere con il fai da te, che ti farà risparmiare una discreta cifra sul costo finale dell’opera. Seguendo questi facili suggerimenti possiamo procedere insieme passo dopo passo anche se non hai una padronanza di tipo professionale del lavoro di falegname. Prima di tutto dovrai scegliere il tipo di legno da impiegare, considerando che il legno massello ovviamente oltre a garantire una maggiore solidità strutturale è però più difficile da perforare. L’alternativa è legno di minor pregio, più semplice da tagliare e da perforare. La libreria in legno può essere fatta sia con una forma geometrica regolare sia con uno stile più stravagante e con curvature. Puoi tagliare il legno utilizzando semplicemente un seghetto alternativo, facendo attenzione durante le operazioni e indossando i guanti, raccomandazione che va sempre ricordata. Potrai fare una libreria con struttura in legno oppure disporre semplicemente le scaffalature al muro fissandole mediante i tasselli con il relativo supporto. Ovviamente se il legno è grezzo va poi verniciato con un prodotto specifico e con la colorazione preferita. La libreria in legno ha sempre un effetto estetico accattivante e si adatta molto bene in qualsiasi tipologia di ambiente, sia esso uno studio oppure un salotto con arredamento elegante.

Libreria in cartongesso fai da te

L’ultima scelta che ti propongo è quella di utilizzare il cartongesso. Questo materiale è perfetto per costruire una libreria fai da te poiché è leggero e si presta molto bene per essere posizionato a muro. Peraltro il rapporto tra la qualità e il prezzo di questo materiale è molto competitivo. Il cartongesso non è altro che una serie di strati di cartone che vengono sovrapposti uno sopra l’altro e successivamente impregnati mediante il gesso. Fai conto che con il cartongesso si possono addirittura realizzare pareti divisorie interne in un’abitazione, per cui usandolo per ottenere una libreria non ci saranno problemi di tenuta strutturale. Il lavoro non è poi così immediato e ti potranno servire anche un paio di giorni per portare a termine l’opera. Tuttavia puoi cimentarti in questo lavoro anche partendo da conoscenze di base amatoriali di bricolage. Un consiglio valido se sei un principiante è quello di acquistare pannelli già tagliati nelle misurazioni standard che trovi facilmente in commercio nei negozi specializzati e nei garden center. Vediamo insieme anche quali sono le attrezzature indispensabili prima di mettersi all’opera. Ti serviranno un avvitatore elettrico oppure a batteria, un trapano per le perforazioni, i pannelli in cartongesso, i montanti e le guide, una cesoia per metalli oppure un flessibile per il taglio, i paraspigoli, le viti, una matita a punta grassa per segnare sulla parete i punti dove forare, un metro e un cutter. Dopodiché vediamo come procedere concretamente. Devi costruire lo scheletro della tua libreria in cartongesso fai da te poi fissare guide e montanti. Dopo aver assemblato i pannelli devi fissare i paraspigoli, stuccare e infine verniciare la libreria con una pittura specifica.

Vedi anche

bagno in muratura

Bagno in muratura: come costruirlo e prezzi

Un bagno in muratura è la soluzione ideale per creare un ambiente originale ed elegante ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *