sabato , 18 agosto 2018
Home / Design / Pavimento in linoleum per interni ed esterni

Pavimento in linoleum per interni ed esterni

I pavimenti in linoleum spesso vengono confusi con quelli in gomma o pvc. Ma bisogna prestare molta attenzione, il linoleum infatti è composto da materie prime naturali. È stato inventato in Scozia nel lontano 1860, da allora viene prodotto in tutto il mondo.Nel corso degli anni sono cambiati sia gli ingredienti che le sue caratteristiche. Studiato per quei luoghi dove l’igiene la fa da padrona. Nel corso degli anni il linoleum è stato relegato a pavimento di ospedali e luoghi pubblici dove veniva ampiamente usato per le sue caratteristiche tecniche. Anche se la sua reputazione in fatto di igiene non è mai stata messa in dubbio,resta il fatto che quasi tutti ci ricordiamo quei pavimenti principalmente per la loro bruttezza. Nessuno li avrebbe messi in casa propria. Bene per nostra fortuna non è più così.

Negli ultimi anni il linoleum è diventato un pavimento adatto a qualsiasi abitazione. Infatti lo si può trovare in moltissimi colori, con disegni, in effetto legno, marmo e molti altri ancora. Questo lo rende adattabile a qualsiasi ambiente. Inoltre la sua facilità di pulizia e il fatto che non ci sono fughe dove si annida lo sporco lo rendono ancora più attraente. Insomma il linoleum oggi è un vero componente di design. Bello, di facile manutenzione, igienico, naturale, resistente e con molte altre caratteristiche positive.

Caratteristiche

Questo materiale oltre al fatto di essere perfettamente impermeabile e ad avere una superficie antiscivolo, ha molte altre doti che ne fanno una soluzione ricercata in tutti gli ambienti ad uso sanitario. Il linoleum infatti è ipoallergenico, antistatico e in grado di combattere il proliferare dei batteri. In più può essere pulito e disinfettato in profondità. Questo è il motivo principale del suo uso in strutture diagnostiche e sanitarie, luoghi dove si privilegiano questi aspetti a discapito dell’estetica. Per questo motivo il linoleum non ha mai avuto il successo che merita. Negli ultimi anni però le cose sono molto cambiate. Oggi infatti possiamo trovare molti modelli di linoleum. Infatti oltre a esserci in un’infinità di colori, è possibile trovarlo anche con molti disegni, e addirittura visivamente simile al legno, al marmo e a un infinità di altri materiali. Inoltre tra i tanti vantaggi del linoleum c’è anche quello di non avere bisogno di una grossa manutenzione, infatti si pulisce tranquillamente con semplice acqua, in caso di macchie molto resistenti si può usare un detergente specifico o gli appositi dischi in nylon da strofinare sul pavimento. Inoltre è termoisolante e fonoassorbente, quindi se avete dei vicini un po’ rompiscatole è la soluzione ideale per limitare i rumori.

Pro e contro

Tra i pro del linoleum c’è sicuramente il fatto che è un materiale morbido. Questa sua caratteristica lo rende ideale per essere messo nella cameretta dei bambini o nella stanza dei giochi. I nostri bambini potranno tranquillamente sedersi per terra grazie al fatto che è fatto di materie prime 100% naturali. Un’altra caratteristica interessante è la resistenza all’acqua. Questa lo rende adatto al bagno e alla cucina, due stanze dove l’acqua la fa da padrona. Inoltre è resistente e durerà per molto tempo. Quello che magari interessa maggiormente a molti di noi è il fatto che è economico e di facile posa. Non sarà difficile infatti con un po’ di buona manualità ricoprire un vecchio pavimento che non ci piace più. La difficoltà starà nel decidere che tipo di linoleum usare. Sì perché esiste di tutti i colori e con un sacco di effetti molto fantasiosi e addirittura simili al marmo e al parquet. Non dimentichiamoci che sono al 100%riciclabili.

Ora passiamo ai contro, che in realtà sono davvero pochi. In effetti solo un paio. Il primo è la colla che si usa per la posa che, se in futuro decidiamo di voler togliere può darci del filo da torcere. Il secondo e che bisogna stare molto attenti che il pavimento sia perfettamente in piano altrimenti ci ritroveremo con delle bruttissime bolle d’aria.

Differenza tra linoleum e pvc

La differenza tra il pavimento in linoleum e il pvc è praticamente soltanto la composizione degli ingredienti. Il linoleum è composto da materiali 100% naturali. I componenti principali sono l’olio di lino, la farina di sughero e la farina di legno. Viene creato un impasto steso su un tessuto di iuta e calandrato. Viene poi fatto stagionare per 20/30 giorni a 60 gradi. Naturalmente durante la fase di lavorazione viene colorato con coloranti naturali. Il pvc è invece prodotto con policloruro di vinile. Quindi plastica. La differenza praticamente è tutta qui, perché per il resto i due materiali si somigliano molto e hanno le stesse caratteristiche d’uso e le stesse tecniche di posa. Anche il prezzo cambia leggermente. Il pvc infatti è un pò più economico. Ma vogliamo mettere in discussione tutti i vantaggi del linoleum solo per una manciata di euro ,non credo proprio valga la pena.

Pavimenti in linoleum effetto legno: in quali stanze?

Il pavimento in legno piace a tutti. Ma sappiamo bene quanto è delicato e quanto sia complicata la sua manutenzione. Se poi abbiamo bambini o animali in casa la cosa può diventare davvero complicata. A volte però cediamo perché il calore e la raffinatezza che un pavimento in legno dà alla nostra casa superano anche le difficoltà di manutenzione. Quindi dobbiamo rassegnarci e dedicare delle ore alla pulizia di quest’ultimo? Certo che no. Esiste un valido compromesso. Il pavimento in linoleum a effetto legno. In tutto e per tutto simile visivamente al legno ma con in più tutta la praticità di pulizia e manutenzione che questo materiale ci offre. Parliamoci chiaramente, quanti di noi sarebbero disposti a mettere un pavimento in legno in cucina o addirittura in bagno? Beh credo nessuno. Bene con il linoleum possiamo avere un pavimento effetto legno ovunque noi desideriamo perché essendo altamente resistente all’acqua non ci sarà il pericolo di rovinarlo. Ebbene sì in cucina, in bagno, ma anche nelle camere, e in salotto il linoleum darà una sensazione di calore e raffinatezza a tutta la nostra casa.

E per gli esterni?

Naturalmente il linoleum si presta benissimo anche alle pavimentazioni esterne e quindi per i nostri balconi e terrazzi. Ma anche per molto altro. Infatti non dimentichiamoci che anche se completamente naturale è resistente all’acqua e al forte calpestio. Infatti il linoleum è anche detto materiale resiliente, cioè un materiale elastico e in grado di adattarsi ai cambiamenti e di rigenerarsi nel tempo. Quindi cosa stiamo aspettando non ci resta che scegliere il modello più adatto alle nostre necessità e metterci al lavoro. Naturalmente come per gli interni, anche per gli esterni esistono un infinità di modelli e fantasie tra cui scegliere.

Posa del pavimento in linoleum

La posa del linoleum può essere fatta sia su una base di cemento che direttamente su un vecchio pavimento rovinato. Nel primo caso bisogna assicurarsi che nel cemento non ci siano delle crepe. La base deve essere liscia, priva di umidità e perfettamente in piano. Se dovessero esserci problemi di planarità bisogna usare un prodotto auto livellante prima di procedere alla posa. Vediamo insieme come fare.

La prima cosa da fare quando si vuole rivestire un pavimento con il linoleum è quella di lasciare il materiale nella stanza dove andremo a metterlo per almeno 24 ore. Questo permetterà al linoleum di adattarsi alla temperatura della casa in modo da avere meno problemi quando si effettua la posa. Naturalmente prima di iniziare bisogna svuotare la stanza e staccare gli zoccolini. Bene ora siamo pronti per iniziare.

Prendiamo i nostri rotoli di linoleum e stendiamoli sul pavimento cercando di eliminare eventuali pieghe o bolle d’aria, se necessario aiutiamoci con uno spazzolone o simile. Quindi andiamo a metterlo nel punto da cui abbiamo deciso di iniziare. Ricordiamoci che il materiale deve eccedere di circa 15 centimetri rispetto alla misura del sottofondo. La parte in eccesso verrà rifilata o incollata al posto dello zoccolino. Prendiamo quindi le misure con cura tenendo conto di tutto. Una volta fatto questo lavoro e aver tagliato il materiale per adattatalo alla stanza possiamo procedere con la colla. Solleviamo quindi metà rotolo alla volta e stendiamo la colla sul sottofondo con una spatola, aspettiamo qualche istante poi facciamo aderire bene il linoleum al pavimento prima massaggiandolo con le mani, con movimenti che vanno dal centro verso i bordi, successivamente con un rullo ( quelli da 45 kg andranno benissimo) per eliminare eventuali bolle d’aria e far aderire bene il materiale. Continuiamo cosi fino a ricoprire tutto il pavimento. Ricordiamoci di accavallare le strisce di circa 4 centimetri, andremo a fare il taglio sovrapposto alla fine. Con l’aiuto di un asse di legno tagliamo l’eccesso dal perimetro. Se invece lo si vuole usare come zoccolino incolliamolo. A questo punto occupiamoci dei tagli sovrapposti sempre aiutandoci con un asse o una riga.

Per il momento possiamo riposare, almeno per un paio di giorni, o il tempo necessario perché la colla possa asciugarsi. Dopo possiamo procedere a fare le scanalature lungo le giunzioni servendoci di un attrezzo specifico. In queste scanalature bisogna inserire un cordolo con un apposita pistola che raggiunge i 300 gradi circa. Bisogna rifilare e rullare il cordolo in più riprese e finalmente il nuovo pavimento è pronto. Se invece si è deciso di utilizzare le piastrelle bisogna trovare il centro della stanza tracciando due linee e procedere con la posa delle prime 4 piastrelle, proseguendo poi in maniera circolare, con la posa di 4 piastrelle alla volta fino a ricoprire tutta la superficie, terminando con gli spezzoni lungo il perimetro. Insomma il procedimento è lo stesso ma l’uso delle piastrelle ci consente di poter cambiare colore o creare dei disegni.

Linoleum prezzi al mq

Come abbiamo già detto il linoleum è disponibile in rotoli o in piastrelle pretagliate. Ha diversi spessori che vanno dai 2 ai 3 millimetri a seconda dell’utilizzo che ne andremo a fare. Il prezzo base del linoleum è di circa 22 euro /mq. Questo prezzo può variare in base a cosa scegliamo e può raddoppiarsi o addirittura triplicarsi. Facciamo degli esempi.

Per un linoleum effetto legno il prezzo è di circa 40 euro/mq, mentre un linoleum ruvido può costare circa 70 euro/mq. Naturalmente questi prezzi si riferiscono al solo materiale, quindi se non avete voglia o tempo di cimentarvi nel fai da te dovete aggiungere anche il costo della posa.

Vedi anche

bagno in muratura

Bagno in muratura: come costruirlo e prezzi

Un bagno in muratura è la soluzione ideale per creare un ambiente originale ed elegante ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *