lunedì , 19 Agosto 2019
Home / Soluzioni tecniche / Come rimuovere una vite spanata

Come rimuovere una vite spanata

A tutti almeno una volta è capitato di imbattersi in una vite bloccata e non riuscire più a rimuoverla. Quando il giravite lavora a vuoto e non riesce a estrarre l’oggetto, molto probabilmente ci troviamo di fronte ad una fastidiosissima vite spanata. Insistere con il giravite non porta a nulla, se non al peggioramento della situazione, ma con i nostri metodi riuscirai a rimuovere la vite utilizzando semplici materiali di uso comune.

Migliora l’aderenza

Per migliorare le pareti di aderenza tra la punta del giravite e la vite stessa, puoi provare ad aggiungere del materiale ed a ripetere l’operazione.
Cosa utilizzare:

  • Un pezzo di elastico largo;
  • Lana d’acciaio;
  • La parte verde delle spugnette da cucina;
  • Nastro adesivo

Se la punta del cacciavite continua sempre a scivolare anche usando questi materiali per aumentare l’aderenza, allora hai bisogno di qualcosa che agisca in modo più consistente.

Usa un martello

Con un martello colpisci delicatamente il cacciavite inserito in sede. Questa operazione ha bisogno di estrema precisione per non rischiare di spezzare la testa della vite, perciò ti sconsigliamo vivamente di non procedere con questo passaggio se stai lavorando con un oggetto molto fragile. Tale metodo è particolarmente indicato se si sta forzando una vite a stella. A questo punto spingi con forza l’attrezzo e ruota leggermente. Con la mano appoggiata sul manico del cacciavite, premi con decisione verso la vite e gira in senso antiorario (o orario, a seconda dell’andamento della filettatura).

Se anche questa volta l’utensile scivola, fermati subito. Forzando di continuo l’attrito tra le due superfici rischi di peggiorare l’usura e di rendere davvero difficile l’estrazione, complicando di gran lunga il lavoro.

Fissa un dado alla testa della vite

Vecchio trucco sempre efficace! Procurati un dado che si incastri perfettamente alla vite spanata ed incollalo con la resina epossidica bicomponente adatta per metalli. Una volta asciugata la resina, usa una chiave a bussola per afferrare il dado e iniziare a farlo ruotare.

Scalda la vite

Un altro metodo efficace è quello di scaldare direttamente la vite. Se possibile, usa una pistola termica oppure una fiamma a propano direttamente sulla parte interessata. Quando la filettatura è abbastanza calda da far friggere una goccia d’acqua, sospendi l’operazione e prima di provare a svitarla, attendi il raffreddamento.

La vite non si è spostata di una virgola e la tua pazienza sta vacillando, nonostante tutti i tentativi? Probabilmente la vite è troppo compromessa ed hai bisogno di un supporto più competente per risolvere la questione.

Per questo motivo abbiamo stilato per te una lista di prodotti professionali utili in queste situazioni estreme:

  • Svitol, questo lubrificante è super efficace e semplice da usare. Una volta applicate poche gocce sulla vite, basterà aspettare qualche minuto in modo tale che possa penetrare a fondo ed agire sul problema.
  • Screw Grab, un solvente che grazie alla speciale combinazione chimica, riesce ad aumentare fino a 400 volte la frizione tra la vite ed il giravite, portando a zero il rischio di scivolamento dalla sede.
  • Avvitatore manuale, grazie a questo strumento potrai arrivare più in profondità con la punta del cacciavite ed avere una possibilità in più di estrarla. Ti consigliamo di evitare gli avvitatori elettrici poiché imprimono troppa forza e per questo potrebbero danneggiare il materiale circostante.
  • Estrattori conici, sono l’unica soluzione contro bulloni spezzati o con viti spanate e ne esistono di due tipi, destrorsi e sinistrorsi. Inserisci l’estrattore dopo aver praticato il foro e comincia a girare.

Hai qualche altro consiglio per estrarre viti incastrate? Aiuta la community e scrivilo nei commenti!

Vedi anche

Come rimediare alle crepe negli appartamenti una volta per tutte

Perché la classica crepa nel muro è tanto temuta dai proprietari di appartamenti? Le fessurazioni ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *