mercoledì , 26 settembre 2018
Home / Soluzioni tecniche / Massetto alleggerito con polistirolo

Massetto alleggerito con polistirolo

Nella costruzione di una casa riveste notevole importanza il massetto. Si tratta dello strato cementizio che viene posato sul solaio e serve per rendere piana una superficie in modo tale che il carico degli elementi sovrastanti sia ripartito. Si utilizza quindi per livellare la zona dove dovrà essere posata la pavimentazione finale. La sua realizzazione è importante anche perché sotto di esso, passeranno le tubazioni dell’impianto idraulico, di quello del riscaldamento e i cavi elettrici.

Se non hai intenzione di affidarti a professionisti dell’edilizia e vuoi fare da solo non c’è problema, basta avere un po’ di praticità con i materiali che andrai a usare. Prima di vedere come fare, è importante non dimenticare che lo spessore del massetto varia a seconda del tipo di ambiente. Inoltre non dimenticare che il livellamento è di fondamentale importanza perché su di esso andrà posata la pavimentazione e le porte: sarebbe proprio brutto che un pavimento storto non permetta un buon funzionamento di una porta. Inoltre non dimenticare nemmeno che tipo di pavimento vuoi mettere, la posa di un massetto per il parquet è diversa di quella per le piastrelle.

Con questa guida ti verranno spiegate alcune cose importanti. Coraggio, amico del fai da te, comincia a leggere.

Massetto alleggerito per interni ed esterni

In genere i massetti sono composti da tre materiali: cemento, sabbia e acqua ma se hai timore di usare questi prodotti non temere, ho la soluzione giusta per te. Se non sei un esperto di edilizia posso parlarti un po’ del massetto alleggerito, che rappresenta una soluzione ottimale nel caso tu sia alle prese con una ristrutturazione e non sei per niente intenzionato ad appesantire troppo il solaio.

Al posto della sabbia si possono utilizzare materiali che risultano più leggeri come l’argilla espansa e la perlite espansa. Nel caso in cui hai un riscaldamento a pavimento, uno dei massetti più indicati è quello alleggerito con argilla espansa. La perlite espansa, invece, è prevalentemente usata nella bioedilizia.

Come dici? Non sai dove poter reperire questi prodotti e non sai nemmeno di cosa sto parlando? Non temere, perché possono essere tranquillamente sostituiti con il polistirolo in sfere. Questo è un composto cementizio che contiene polistirolo e schiuma a base proteica, cemento e un additivo che svolge un’azione schiumogeno – colloidale. La miscela si realizza con perle di polistirolo le cui dimensioni vanno dai due ai quattro millimetri, cemento e acqua. Ha un notevole potere isolante e una leggerezza indiscussa che fanno di questo materiale uno dei principali elementi da prendere in considerazione quando si vuole fare un sottofondo alleggerito. Inoltre, la possibilità di incollare direttamente la pavimentazione al composto messo in opera, permette che questo possa essere usato in diversi campi edili, anche nelle pavimentazioni industriali. Non temere, il polistirolo a sfere è facilmente reperibile in commercio. Ora che siamo giunti a un accordo, posso dirti che hai fatto davvero la scelta giusta. L’utilizzo del polistirolo rende il massetto talmente leggero che si adatta perfettamente a tutti gli ambienti: esterni ed interni.

Trova applicazione in diversi ambiti: sotto – tegole, pendenze e coperture. La sua versatilità, infatti, gli permette di trovare applicazione anche se deciderai di applicare il pavimento con la tecnica a colla.

Il massetto alleggerito, inoltre, è perfetto per gli ambienti interni nei quali si voglia utilizzare una pavimentazione in legno, vinilici, linoleum, moquettes e piastrelle in ceramica.

Massetto alleggerito: isolante termico e altri vantaggi

La sua leggerezza permette di trovare applicazione in ambienti particolari, come i tetti in pendenza o per isolare i sottotetti. La combinazione del cemento con il polistirolo, infatti, ha un elevato potere isolante e preserva anche dall’umidità.

La miscela che si ottiene ha una massa ha una massa volumica più leggera di quella tradizionale di oltre il 40%, questo consente di poter essere utilizzato nei solai che, proprio per loro natura, devono essere più leggeri, come per esempio quelli di un soppalco.

Tra gli altri vantaggi di un massetto alleggerito si ha anche la facilità con il quale viene steso, permette infatti di ottenere una la stesura omogenea e maggior planarità dei getti eseguiti.

Se non sei ancora convinto ti posso dire che utilizzare un sottofondo alleggerito ti permette anche di godere di altri vantaggi. In primo luogo hanno una buona traspirabilità del vapore acqueo, questo aiuterà ad evitare ristagni di umidità e muffe; hanno un maggior isolamento termico e acustico rispetto a quelli tradizionali, è stato evidenziato che, anche il rumore del classico calpestio è notevolmente ridotto, inoltre, l’isolamento termico ha una durata maggiore; hanno un’elevata resistenza meccanica.

Non sei ancora convinto? Posso aggiungere che un massetto alleggerito si asciuga più rapidamente di uno tradizionale e, grazie alla sua composizione è più fluido e facilmente lavorabile; evita la segregazione dei componenti e se, sei un tipo ecologico posso dirti anche che il processo di produzione è esente da emissioni di gas tossici e particelle pericolose. Inoltre, se hai poco tempo a disposizione, ti faccio notare anche che, un massetto alleggerito ha tempi di asciugatura più brevi rispetto a uno tradizionale.

Peso e spessore del massetto alleggerito

L’altezza del massetto varia a seconda della tipologia dell’edificio, in linea di massima, comunque, il suo spessore va dai 4 agli 8 centimetri. Di solito è preferibile un’altezza maggiore quando il sottofondo viene usato per livellare le pendenze dei balconi o le coperture piane di edifici.

Lo spessore del massetto può essere definito lasciando, rispetto alla quota del pavimento già esistente, mezzo centimetro in aggiunta allo spessore delle piastrelle che andranno posate.

Non devi dimenticare che un massetto alleggerito deve essere completato da uno strato superiore rinforzato per sopportare le sollecitazioni meccaniche. Per lo strato superiore puoi utilizzare un massetto sottile autolivellante o uno tradizionale di cemento e sabbia.

In genere si seguono regole abbastanza precise, in merito all’altezza del massetto, che varia a seconda del tipo di pavimentazione che andrai a posare. I diversi tipi di materiali usati per le pavimentazioni, infatti, hanno spessori diversi: le resine e il linoleum possono avere dai cinque ai sette millimetri di spessore; i pavimenti in ceramica un centimetro; il parquet varia da uno a due centimetri mentre il marmo parte da due centimetri e può arrivare a tre.

Se temi di sovraccaricare troppo il solaio dove dovrai fare il massetto non preoccuparti: il sottofondo alleggerito, infatti, ha un peso inferiore rispetto a quello tradizionale. Quest’ultimo, infatti, carica sul solaio circa 20 chilogrammi per metro quadro, un massetto alleggerito invece 12 chilogrammi per metro quadro, direi che c’è una discreta differenza, non trovi?

Come fare un massetto alleggerito

Se, leggendo sopra, ti sei convinto che la soluzione giusta per il tuo massetto è quella di applicarne uno alleggerito, non ti resta che mettere in pratica la tua idea.

Se sei pronto a capire come poter fare il tuo massetto alleggerito con polistirolo, prepara tutti i materiali di cui hai bisogno e non dimenticare la livella.

Prima della posa è necessario preparare un buon impasto composto da acqua, cemento e polistirolo. Ricorda di mescolare bene i componenti tra loro. Nel sacco del cemento che avrai già acquistato, abbi la cura di leggere bene l’etichetta dove sarà indicata la quantità giusta dei componenti per ottenere la quantità necessaria al progetto che state realizzando. Per ottenere una buona miscela sarebbe opportuno avere una betoniera. In commercio ne esistono diversi tipi, alcuni dei quali non hanno grandi dimensioni e risultano perfette per un uso casalingo. Dopo questo piccolo consiglio, segui questi passaggi:

  1. Metti l’acqua nella betoniera e aggiungi il cemento e un po’ di sabbia. Attiva la betoniera e mixa gli elementi fino a ottenere un impasto abbastanza denso;
  2. Aggiungi metà delle perle di polistirolo che hai acquistato e lascia che si mescolino con gli altri elementi per almeno un minuto;
  3. Aggiungi altre perle di polistirolo. Se nel frattempo ti sembra che il composto si stia indurendo troppo non temere: aggiungi semplicemente altra acqua;
  4. Quando tutto il polistirolo è stato assorbito potete spegnere la betoniera. Il composto ottenuto deve essere denso ma non in modo eccessivo.

Hai già pulito il fondo? Ricorda che questo è un passaggio fondamentale perché lo sporco e la polvere potrebbero non rendere il tuo faticoso lavoro al top. Un consiglio, anzi una raccomandazione è quello di predisporre sponde di contenimento per evitare che la miscela fatta con tanta fatica cada dove non dovrebbe. Ricorda anche di bagnare il fondo nel periodo estivo.

Prima di passare all’applicazione devi prendere delle misure. La prima misura è definita misura a un metro che rappresenta l’altezza del pavimento finito con le piastrelle, l’altra misura, che varia da un metro e cinque in avanti è quella del piano senza massetto. Se la casa dove dovrai fare il tuo sottofondo è nuova, potrai prendere come punto di riferimento le soglie delle porte, se hai già dei pavimenti, invece, utilizza quelli per prendere le misure.

Traccia sul muro una linea orizzontale che si trova a circa un metro di altezza dal punto di riferimento. Fatto questo ricorda che tipo di pavimento vorrai posare: le piastrelle hanno uno spessore di circa un centimetro, inoltre ti serviranno altri tre millimetri che rappresentano lo spessore della colla. In questo caso il punto di riferimento per il massetto sarà a 101,3 centimetri dalla linea orizzontale che hai tracciato.

Una volta fatto questo preparati a fare le poste, ossia prendi un po’ di composto del massetto di altezza pari alla mattonella che dovrai mettere in opera, regolandoti sulla base della linea orizzontale che hai tracciato: non dimenticare che il fondo sul quale lavori potrebbe essere storto. Individuate le poste sei pronto a fare le fasce che collegano una posta con un’altra.

Ora puoi finalmente stendere il composto aiutandoti che una staggia che appoggia sulle fasce, mettiti in ginocchio e comincia a livellare.

Prezzo del massetto alleggerito al metro quadro

Ora veniamo al tasto dolente: il costo di un massetto alleggerito. L’argilla espansa e la perlite espansa hanno un costo indicativo superiore al polistirolo a sfere. In particolare un massetto alleggerito con argilla espansa ha un costo indicativo che va dalle 15 alle 24 euro a metro quadro, un sottofondo alleggerito con perlite espansa, invece, va dai 18 ai 26 euro a metro quadro.

Un massetto alleggerito con polistirolo, invece, va dagli 8 ai 10 euro a metro quadro. Ti sottolineo anche il costo di un massetto tradizionale che va dai 13 ai 16 euro a metro quadro, quindi potrai facilmente notare che, realizzando un sottofondo alleggerito con polistirolo, il risparmio è notevole.

Questi prezzi sono comprensivi di manodopera, pertanto, se hai manualità e farai da solo seguendo i passaggi spiegati in questa guida, avrai un risparmio notevole. Non sottovalutare inoltre i vantaggi fiscali che derivano dall’applicazione di un massetto alleggerito che, secondo la legge, rappresenta una soluzione ecologicamente sostenibile.

Vedi anche

Impregnante per legno

Impregnante per legno: il re dei trattamenti protettivi per esterno

È considerato il re dei trattamenti protettivi per il legno, stiamo parlando dell’impregnante. All’acqua o ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *