sabato , 18 agosto 2018
Home / Giardino / Giardino pensile in terrazzo: come realizzarlo

Giardino pensile in terrazzo: come realizzarlo

Negli ultimi tempi avrai certamente sentito molto parlare molto di giardino pensile. Del resto, i giardini pensili rivestono oramai un posto di primaria importanza nell’ambito delle soluzioni di garden design e non solo. Sebbene la loro origine sia antichissima, sono tornati alla ribalta, migliorando notevolmente la bellezza di qualsiasi immobile. Anche in uno spazio strettamente urbano, come un terrazzo, potrai realizzare un giardino pensile che lascerà piacevolmente di stucco i tuoi ospiti.

Un giardino pensile, infatti, non è altro che uno spazio verde che dovrai coltivare opportunamente, servendoti di una struttura architettonica. Diversamente da come avviene con i giardini tradizionali, per realizzare un giardino pensile dovrai considerare che la coltivazione delle piante non avviene direttamente sul suolo terroso, bensì in una base insolita, come per l’appunto un terrazzo.

In questi ultimi anni sono stati realizzati moltissimi giardini pensili in tutto il mondo che si sono distinti per la straordinaria originalità e per la loro bellezza. In effetti, decidere di realizzarne uno è un po’ come creare una meravigliosa opera d’arte in casa tua.

Inoltre, realizzando un giardino pensile potrai ottenere numerosi vantaggi. Oltre a dare una mano all’ambiente, visto che contribuirai alla creazione di un nuovo spazio verde, realizzerai al contempo un sistema efficace per assorbire l’acqua piovana, evitando anche possibili allagamenti. Abbatterai gli sprechi energetici e migliorerai la temperatura dei tuoi ambienti interni, rendendola gradevole, sia in estate che in inverno.

Realizzarlo non è un’impresa impossibile da portare a termine. Vediamo insieme come fare conferire maggior valore alla vivibilità del tuo terrazzo, creando un giardino pensile a regola d’arte.

Come fare un giardino pensile

Realizzare un giardino pensile sul terrazzo di casa tua è possibile. Tuttavia può giovarti l’aiuto di un giardiniere, ma soprattutto di personale specializzato. Qualunque sia l’idea che hai in mente dovrai valutare necessariamente degli aspetti basilari.

Sia nel caso tu avessi in mente una soluzione semplice o intendi ispirarti alla prima testimonianza del giardino pensile, ovvero quello di Babilonia costruito intorno al 600 a.C., dovrai svolgere delle valutazioni approfondite sullo stato dei luoghi. In particolar modo, è di fondamentale importanza accertarti, con l’aiuto di un professionista, se la superficie del terrazzo interessata possa sopportare il carico di un giardino pensile. Dovrai anche valutare possibili vincoli condominiali e la richiesta di eventuali autorizzazioni.

Potrai realizzare il tuo lussureggiante spazio green in terrazzi piani e anche con porzioni inclinate. Lo scopo finale è sempre quello di accrescere in positivo l’impatto ambientale, così che il tuo terrazzo si unisca armoniosamente con il panorama circostante.

Molto spesso le terrazze vengono definite lateralmente da muri che ne stabiliscono i confini. Anche i muri a confine, ove possibile, potranno diventare parte integrante del tuo giardino pensile. Per cui, valuta anche questa ulteriore porzione che, eventualmente, potrai organizzare con piante rampicanti e sempreverdi.

Un giardino pensile richiede inevitabilmente un valido sistema di drenaggio idrico e l’uso di terriccio adeguato. Non meno importante sarà la tua accurata scelta in merito alla scelta delle piante. Infine, dovrai interessarti anche della messa in opera di un sistema di impermeabilizzazione del solaio. Tutto questo richiede inevitabilmente dei costi che variano a seconda della metratura da destinare al giardino pensile e all’importanza dell’opera che vuoi portare a compimento.

Drenaggio del giardino pensile

Come puoi ben immaginare, la prima preoccupazione per chi desidera realizzare un giardino pensile è quella di assicurare una crescita rigogliosa alle piante ed un ottimale fabbisogno idrico. Il giardino pensile si sviluppa sopra un terreno che non può dirsi naturale, nel senso che l’apparato radicale delle piante non è in diretto contatto con il suolo che sei abituato a vedere normalmente in natura.

Per forza di cose, quindi, la realizzazione di un giardino pensile ti richiede la posa in opera di rivestimenti specifici, la cui funzione è quella di garantirti un ottimo sistema di drenaggio. Per fortuna, negli ultimi anni il settore del garden design ha fatto notevoli passi in avanti. Sono stati studiati nuovi materiali e tecniche rivoluzionarie. Tutto ciò ha permesso di realizzare moderni e semplificati sistemi per il drenaggio dei giardini pensili.

A questo proposito, potrai contare sui nuovi moduli, spesso prodotti in materiale riciclato come il polipropilene, i quali ti assicurano uno sviluppo vegetativo e la corretta alimentazione idrica delle tue piante. Questi moduli si presentano come delle piastrelle con dei fori che servono per la raccolta dell’acqua e per attuare un’alimentazione idrica uniforme.

Sono rivestimenti anche molto leggeri e si posano molto velocemente: solitamente si uniscono fra loro attraverso degli agganci. I rivestimenti da drenaggio sono studiati per evitare anche proliferazioni batteriche, specie in caso di abbondanti piogge. Si prestano a creare una sorta di camera d’aria, così da aumentare il grado di impermeabilizzazione finale. Sono rivestimenti anche piuttosto resistenti alla pressione del terriccio e non temono strati abbondanti di terra.

Impermeabilizzazione del giardino pensile

Per un giardino pensile che si rispetti dovrai progettare anche un sistema di impermeabilizzazione adeguato, per ottenere protezione dal sole, dagli agenti chimici, dalle escursioni termiche e soprattutto dall’ingresso dell’acqua all’interno dell’edificio.

Oggi potrai realizzare una buona impermeabilizzazione del giardino pensile attraverso diverse tecniche e diverse tipologie di guaine. Potrai utilizzare quelle fluide, da posare con diversi sistemi, anche poco impegnativi: a rullo, a pennello, a spruzzo, calde o fredde. Solitamente questo genere di soluzione implica anche un rinforzo ulteriore con speciali reti o prodotti impregnanti che accrescono il livello di impermeabilizzazione.

In alternativa, puoi anche restringere il campo di scelta sulle moderne guaine di tipo sintetico, particolarmente apprezzate per la loro resistenza alle radici, al calore e alle escursioni termiche. Inoltre, sono spesso realizzate con materiali plastici completamente riciclati. Tuttavia, queste guaine sintetiche presentano il leggero inconveniente della posa, la quale richiede particolari saldature eseguite da professionisti e con l’uso di specifiche attrezzature.

Infine, resta sempre ferma la possibilità di acquistare una guaina tradizionale di tipo bituminoso. Si tratta di un tipologia da sempre apprezzata per la grande aderenza al suolo e per le sue eccellenti caratteristiche elastometriche. Se scegli una guaina impermeabilizzante bituminosa dovrai prestare la massima attenzione al fatto che il manto che andrà a contatto con le radici venga sottoposto ad un efficace trattamento antiradice. La questione non è di poco conto: infatti, la guaina bituminosa è prevalentemente composta da sostanze organiche, ovvero particolarmente favorevoli per l’attecchimento delle radici.

Piante da giardino pensile

Nella scelta delle piante dovrai fare in modo di coniugare le tue preferenze con le condizioni climatiche della zona in cui intendi realizzare il giardino pensile. L’ideale sarebbe dar vita ad un giardino ricco da un punto di vista ornamentale e quanto più possibile accogliente e variegato.

Tuttavia, il terrazzo è un punto particolarmente esposto alla luce e agli agenti climatici, per cui dovrai considerare anche questi aspetti ed evitare di organizzare il tuo nuovo spazio green con piante particolarmente delicate o esigenti.

Potrai puntare sulle piante grasse succulente, che non tarderai ad apprezzare per lo straordinario fascino e la facilità di manutenzione. Si tratta di piante che si prestano a vivere in condizioni particolarmente aride e che ritroverai in buone condizione anche se dovessi assentarti per qualche giorno. Inoltre, da marzo e fino a settembre, le succulente daranno il meglio per il tuo giardino, riempiendolo di deliziosi fiori.

piante da giardino pensile

Il tuo giardino pensile in terrazzo si presterà ad accogliere anche tanti arbusti, i quali non rappresenteranno un problema per le moderne guaine impermeabilizzanti. Se desideri un giardino raffinato e sofisticato potrai scegliere un ciliegio da fiore o il Prunus subhirtella che ti stupirà per la sua delicata fioritura rosa tenue. In alternativa, potrai decidere di piantare alberi da frutto che risalteranno per il loro potere ornamentale. Prediligi, inoltre, anche le piante rampicanti che ti daranno l’illusione di uno spazio proiettato verso l’alto e non rinunciare ai manti erbosi.

Giardino pensile: il costo di realizzazione

Inserire una zona verde in un terrazzo è certamente un’idea magnifica, anche per aumentare notevolmente la bellezza architettonica del tuo immobile e per dare una mano all’ambiente. Il verde ti offrirà anche tutta una serie di benefici e una qualità dell’abitabilità decisamente superiore, rispetto a quella di un terrazzo tristemente soffocato da teli in PVC o da piastrelle dal design anonimo.

Realizzare un giardino pensile richiede di affrontare costi legati alla grandezza degli spazi e alle scelte dei materiali. La prima cosa che dovrai fare è quella di prendere le misure del terrazzo, così da conoscere la metratura disponibile. Quando prendi le misure dovrai avere ben chiare le idee anche sullo spazio che intendi riservare ad una eventuale zona living.

Sul territorio italiano i prezzi medi, al metro quadro, variano da 120,00 e fino a 160,00 euro. A parte dovrai considerare le spese per l’eventuale sollevamento in quota dei materiali e quello delle verifiche statiche, igrotermiche e strutturali. La progettazione e la fornitura delle piante, come la fornitura dei raccordi dipendono da ogni specifico caso.

Se decidi, ad esempio, di organizzare il tuo giardino pensile sul terrazzo solo con manto erboso potrai ottenere un significativo risparmio, con costi di circa 80,00 per metro quadro. Il verde pensile è anche la soluzione ideale per i condomini, il cui costo, per un terrazzo di circa 200 metri quadrati si aggira intorno a 30.000,00 euro.

Un terrazzo provvisto di giardino pensile è la soluzione perfetta per mantenere una temperatura piacevole durante tutte le stagioni e per ridurre i consumi energetici. Oggi, inoltre, se intendi realizzare un giardino pensile potrai anche sfruttare gli incentivi fiscali, con detraibilità fino al 36% delle spese documentate e per un massimo di 5.000,00 euro per ogni unità immobiliare.

Puoi beneficiare della detrazione non soltanto in qualità di proprietario degli immobili su cui sorgeranno i giardini pensili, ma anche se hai un regolare contratto di affitto sugli stessi. Potrai anche recuperare anche le spese che dovrai affrontare per la progettazione e quelle successive che attengono alla manutenzione.

L’obiettivo è quello di favorire ed incentivare la cultura del verde privato. Quest’ultimo, infatti, non è solo il pretesto per arredare da un punto di vista prettamente estetico, ma anche un fattore di sviluppo, finalizzato ad aumentare la qualità della tua vita.

Vedi anche

albero da frutto

Il giardino come frutteto personale

Quando si pensa al giardinaggio, la mente va subito a ricordarci le piante ornamentali e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *